Barcollo ( ma non mollo😃)

 

 

Tutti i pellegrini sanno che il terzo giorno è il più difficile e così è!

La devastazione fisica è riassumibile in una scena: noi due che camminiamo sul paseo maritimo, veniamo superati da una ragazza, all’ottavo mese di gravidanza come minimo , che perde il cappello per il vento, torna indietro, lo recupera e comunque noi non l’abbiamo ancora raggiunta…

I paesaggi di oggi sono stati veramente spettacolari: immaginate di arrampicarvi verso un rifugio d’alta montagna e di avere sotto il mare. Indescrivibilmente bello.

Abbiamo iniziato a incontrare sempre gli stessi pellegrini, ci riconosciamo più dalla camminata claudicante che dalla faccia ma è normale. Il dolore crea una grande empatia.

Le risate dovute alla stanchezza ( che è peggio di una sbronza perché sei consapevole di essere fuori come un balcone ) non si contano più.

Vorrei essere Jeeg Robot per farmi lanciare dei componenti nuovi😂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...