Ogni giorno

Sono arrivato fino alla spiaggia. Ho tolto le scarpe e mi sono incamminato lentamente sulla sabbia.

Mi veniva da ridere perché mi è tornato in mente che, quando ero piccolo, facevo il diavolo a quattro se non mi lasciavano tenere le calzine. Odiavo la sabbia. Adesso invece amo che avvolga ed accarezzi i miei passi.

Sono arrivato fino alla battigia. Mi sono seduto in quel punto esatto in cui il mare poteva decidere se venire a lambire i miei piedi oppure no. Volevo fosse lui a decidere. Io intanto lo guardavo e lasciavo che portasse con sé i miei pensieri. Senza cercare di pensare veramente.

Ed è arrivata lei. È piccola. Minuta direi. Ha un vestito lungo ma leggero che con il vento le si appiccica al corpo. Ha i capelli tutti sparsi sulla faccia ma non prova a toglierli. Si intuisce un sorriso.

Si siede proprio di fianco a me. Allunga una mano
– Ciao. Sono Rebecca-
Le sorrido stringendo la sua mano
– Ciao. Io sono Luca-

Stiamo in silenzio a guardare il mare. Poi mi giro verso di lei
– Rebecca- le dico – è un bel nome. Ma è impegnativo-
Lei mi guarda, alza un sopracciglio, come a chiedere chiarimenti, allora continuo
– Sai io , essendo un Luca, nome estremamente comune, a scuola avevo un sacco di omonimi. Per non essere quello chiamato con un soprannome idiota, ma diventare “ il Luca” della classe,dovevo distinguermi. Cercare sempre di essere il migliore in qualcosa-

Lei continua a guardarmi con interesse,come ad invogliarmi a continuare con questo strano discorso.
-Tu invece sarai stata l’unica Rebecca. Giusto?-

Annuisce. Vuole capire dove voglio arrivare.

-Ecco. Tu hai dovuto diventare normale, accessibile. Renderti comune per diventare come gli altri. Quelli con i nomi banali come me. E alla fine non so quale sia la cosa più facile!-

Guarda verso il mare. Poi si gira verso di me
-Accessibile è una bellissima definizione. In effetti è stato così. Ma non ci sono mai riuscita ad essere davvero uguale alle altre…sono sempre rimasta diversa-

Restiamo in silenzio tutti e due. Lo sguardo concentrato sulle onde. Sull’acqua che a tratti sembra debba arrivare a toccare i nostri piedi. Ad ascoltare le voci che il mare ci porta, rubando intanto il nostro silenzio. Che un silenzio è sempre assordante.

All’improvviso mi si butta addosso. Mi fa cadere nella sabbia. Mi sale sopra a cavalcioni ed inizia a riempirmi di baci. Piccoli. Leggeri. Sulla faccia e sugli occhi. Sulle guance ed il mento. Quei baci che sono un sorriso, un respiro, una risposta ad una domanda che non avevi fatto. Poi avvicina le labbra al mio orecchio e sussurra
– Sì-

E io ve lo giuro, ho dovuto aspettare qualche minuto. Il mio cuore ha iniziato a battere con la furia che potrebbe avere un cavallo, tenuto in una stalla, appena viene liberato in un pascolo su una scogliera. Correva. Saltava. Nitriva. Pensavo di morire. Invece no. Era solo felicità.

Appena ha ripreso i suoi battiti regolari le ho chiesto
-Perché questa volta è sì?

Lei si è tirata su con le braccia, come quando si fanno i pettorali, è rimasta sospesa sulle mie labbra senza toccarle
-Perché prima, quando abbiamo fatto finta di presentarci, tu mi hai parlato come se volessi conquistarmi. Come se volessi piacermi. E ho capito che sarà così per sempre. Cercherai qualcosa di nuovo in me ogni giorno-

Ha ricominciato a baciarmi. Poi si è alzata di scatto e si è messa a correre verso il mare ridendo e ha urlato – E poi perché Letizia mi ha mandato la foto dell’abito da sposa dei miei sogni –

Si è buttata vestita nell’acqua. L’ho seguita. L’ho presa in braccio in mezzo al mare e abbiamo continuato a ridere insieme,lasciando che il mare portasse la nostra gioia nel mondo.

Ed è proprio questo che farò. Ogni giorno mi innamorerò di un pezzo diverso di lei.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...