Tu chiamale, se vuoi, emozioni

Stamattina naturalmente alle 5:30 ero sveglia come un grillo. Ho dovuto convincere le mie gambe che al massimo si poteva fare un km per andare a vedere sorgere il sole alla spiaggia: non l’hanno presa bene, sotto i 30km si sentono inutili!

Silenzio assoluto. Ero sola. Le barche addormentate nella rada del porto della fine del mondo, i gabbiani che volavano. Brividi. Me li sono riguardati tutti questi momenti così belli, riassumendoli nell’alba di questo nuovo giorno.

Ieri sera, con un gruppo di amici pellegrini, siamo andati alla spiaggia sbagliata ( forse perché parlavamo di tortellini e lasagne alla bolognese) e quindi il tramonto lo abbiamo visto “ al contrario “ ma stamattina non ho sbagliato direzione 😬

Sono in aeroporto. Pronta a tornare alla vita solita ma so che non sarà “la solita “ perché io non sono la stessa che è partita: ho imparato un sacco di cose su di me. E tutte queste emozioni sono stelle “tatuate” sulla mia pelle.

Grazie Santiago! Hasta luego❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...